Contenuto principale

pon

Hackathon Digital Girl

    

L’ “Hackathon Digital Girl”, nasce nell’ambito della Settimana del “Rosa Digitale”, e si realizza in genere nella prima settimana di marzo di ogni anno, in cui vengono organizzati eventi nel campo delle discipline STEAM per abbattere il divario di genere e in cui si registra per le donne un tasso di partecipazione al lavoro più basso.

Da varie ricerche infatti è emerso che l’accelerazione dell’innovazione tecnologica ha determinato un forte aumento della domanda di competenze tecnico-scientifiche alla quale non ha trovato riscontro, tra le donne, un aumento del tasso di occupazione nei settori cosiddetti dello STEM e anche nei percorsi di studio sia universitari che delle scuole superiori delle discipline “STEAM”, nonostante le donne abbiano contribuito all’innovazione della nostra società, né più né meno di quanto abbiano fatto gli uomini.

Abbiamo quindi pensato di far prendere coscienza alle studentesse della scuola superiore delle proprie potenzialità in campo tecnologico e/o digitale, l’innovazione infatti nasce attraverso la creatività messa in sinergia con un determinato settore, tutti possiamo creare, ci vuole passione e intraprendenza.

L’Hackathon è una maratona progettuale innovativa durante la quali 60 studentesse con l’aiuto di mentori e tutor (ugualmente studentesse che hanno partecipato da concorrenti l’anno precedente e formate allo scopo), lavorano insieme con l’obiettivo di immaginare nuovi modelli, soluzioni e prototipi. Hanno l’opportunità, così, di apprendere nuovi strumenti di co-progettazione, di condividere la loro visione di società e di futuro lavorando in gruppi eterogenei, per indirizzo scolastico e per istituto, e quindi per competenze, e di individuare soluzioni legate al digitale, di esporre al termine della competizione le idee emerse e soluzioni innovative elaborate.

Un’apposita Commissione proclama i vincitori. Nella prima edizione, a.s. 2016/2017, la manifestazione è stata dedicata solo a studentesse del nostro istituto, mentre dalla seconda edizione, a.s. 2017/2018, abbiamo deciso di confrontarci con il territorio e quindi abbiamo invitato le studentesse di altri cinque istituti della provincia di Cagliari e composto così le squadre con studentesse di scuole diverse per potenziare le sinergie.

Il progetto, tutti gli anni, ha il patrocinio del Comune di Cagliari

La prima fase dell’evento inizia con l’intervento di speaker, donne che si sono distinte e che intervengono su tematiche come innovazione digitale, impresa, startup e creatività. Raccontano la propria esperienza e come superare i limiti che ci autoimponiamo o che la società prova ad imporci. Sono intervenute nella varie edizioni come speaker Alice Soru di Open Campus, Antonella Arca di Make a Tag, Michela Loi di Contamination Lab Unica Cagliari, Rossella Racugno di Hub/Spoke, Apply, Paola Cassano di Le Sognatrici, Laura Cannas di Streamago, Alessandra Farris di IntendiMe, Maura Pintor di BRB Be Right Beach, Antonella Fancello, Senior consultant Formez, “Digital champion 2015” e ambasciatore dell’innovazione EU, Responsabile AICA Sardegna, Maria Francesca Maniga di Inveloveritas, Beatrice Canetto, Nicoletta Pala di Cantine Audarya.
Nelle ultime due edizioni sono state coinvolte studentesse dei seguenti Istituti superiori: Pacinotti, Siotto, Giua, Pertini, Motzo, Brotzu, Levi.